Chirurgia dell’addome

La zona dell'addome si rivela particolarmente soggetta ad inestetismi e dismorfie che appesantiscono il profilo del corpo; alimentazione scorretta, vita sedentaria, gravidanze, variazioni ponderali significative sono tutti elementi che lasciano nel tempo una brutta eredità, ovvero un rilassamento dei tessuti ed un eccesso di adipe e pelle che diventano esteticamente difficili da portare. Se infatti nella storia dell'estetica possiamo ricordare epoche in cui un'abbondanza addominale era sinonimo di bellezza e sensualità, oggi i canoni estetici sono molto diversi e vogliono una pancia piatta, tonica e con un punto vita ben segnato.
L'addominoplastica, altrimenti detta chirurgia dell'addome, è quell'intervento di chirurgia estetica che permette di rimuovere dalla parte superiore ed inferiore dell'addome l'eccesso di adipe e cute e nei casi più estremi di correggere anche un eventuale rilassamento della struttura muscolare. Per questo si rivela uno degli interventi più richiesti sia dalle donne che dagli uomini, anche se non bisogna sottovalutarne la portata perché  lascia cicatrici permanenti non completamente invisibili, sebbene posizionate nella zona bikini e quindi ben nascondibili.

PRIMA/DOPO

Addome superiore

A seconda dell'entità della dismorfia esistono diverse soluzioni di chirurgia dell'addome: la mini-addominoplastica, praticabile quando l'eccesso di pelle e adipe interessa la parte sottostante l'ombelico, e l'addominoplastica completa, quando anche la parte superiore deve essere trattata; mentre la prima viene eseguita in regime ambulatoriale, la seconda richiede un ricovero in Day Surgery. 
Trattandosi inoltre di un trattamento molto personalizzato, la chirurgia dell'addome prevede obbligatoriamente una consulenza pre-operatoria molto approfondita durante la quale vanno valutate molte variabili, quali l'elasticità dell'epidermide ed eventuali problemi di salute o di cicatrizzazione, al fine di ottenere i migliori risultati.
Al termine dell'intervento vengono posti dei drenaggi per circa 24/48 ore e dovrà essere indossata un'apposita guaina contenitiva per circa 2 settimane preposta a proteggere la parte, contenere i tessuti e far sentire il paziente a suo agio.
In concomitanza con l'intervento di addominoplastica si possono eseguire una lipoaspirazione, se l'eccesso di adipe è consistente o se bisogna trattare anche i fianchi, le cosce o i glutei, o operazioni mirate a rimodellare altri parti del corpo, come quelle relative al seno.

PRIMA/DOPO

Addominoplastica con mastopessi

PRIMA/DOPO

Addominoplastica

Per ricevere maggiori informazioni o per fissare un appuntamento con il dottor Eugenio Agostino